Formazione

Il CERFIS si occupa della promozione e del trasferimento della conoscenza delle discipline dell’ingegneria sismica nel territorio rendendo pubbliche le esperienze maturate in tema di rivitalizzazione, ricostruzione, restauro e conservazione a livello nazionale ed internazionale.

Il CERFIS opera nella formazione della cultura dell’ingegneria sismica a diversi livelli

‐ operatori del settore della domanda (cittadini, dell’offerta (imprenditori e produttori) e del controllo (ASL

ed Enti preposti, etc.)

‐ professionisti

‐ studenti universitari, neolaureati, studenti di master e dottorandi

L’azione diretta sul territorio e sugli operatori del settore edile caratterizza il piano immediato del centro di ricerca e formazione. In particolare, il CERFIS indirizza la sua azione alla diffusione delle forme di sensibilizzazione e partecipazione dei cittadini per la salvaguardia sostenibile del territorio e del patrimonio culturale ed allo scambio delle esperienze di formazione delle figure professionali che devono essere impiegate al recupero ed alla conservazione integrata di detto patrimonio.

Il CERFIS opera tramite scambi di esperienze internazionali e locali per la sensibilizzazione e confronti, tra le Istituzioni preposte ed i centri di formazione, delle forme didattiche adottate per formare accademicamente e praticamente gli addetti.

Il  CERFIS, in considerazione delle diversità delle condizioni ambientali nel territorio colpito dal terremoto, proporrà di creare una “Scuola del Saper Fare”, segnalando gli operatori che hanno avuto esperienze simili e che possono confrontare il loro lavoro; indicando gli esperti che possono attivare la riqualificazione delle risorse umane già del settore e la formazione di nuovi addetti, necessari sia alle azioni mirate progettuali che esecutive.

Il CERFIS attraverso la costituzione di una rete con le Istituzioni accademiche nazionali ed internazionali operanti nel settore (EUCENTRE, RELUIS, ICCROM, MCEER, EERC, etc) attiverà tutte le risorse intellettuali necessarie per la formazione di operatori da impiegare nella salvaguardia del patrimonio monumentale, e parimenti predisporrà le forze lavoro che dovranno intervenire sul patrimonio minore.

A tal fine il centro di formazione e ricerca, si è adoperato sia attraverso i propri membri che attraverso la costituende rete sia come formatori che come imprenditori, per prospettare pacchetti di corsi intensivi in loco che cantieri scuola internazionali.

In particolare, il CERFIS costituirà una rete informativa atta a trasferire le specifiche ed innovative conoscenze del settore dell’ingegneria sismica sviluppate a livello nazionale ed internazionale dalle università e dalle grandi aziende del settore civile-edile agli operatori agenti sul territorio.

Particolare riguardo verrà rivolto alle tecnologie innovative per gli interventi di ricostruzione, miglioramento ed adeguamento antisimico sugli edifici colpiti dai tragici eventi del terremoto.

Saranno trasferite competenze nelle tecnologie inerenti l’utilizzo:

  • di sistemi di protezione sismica come dissipatori affrontando problematiche relative alla corretta installazione e posizionamento di controventi dissipativi o isolatori alla base
  • di sistemi di rinforzo in FRP preformati come i profili pultrusi
  • di sistemi di rinforzo in FRP impregnati in-situ
  • di materiali compositi,  SRP (Steel Reinforced Polymer) ed SRG (Steel Reinforced Grout) realizzati con fili d'acciaio ad alta resistenza (Ultra High Tensile Steel, Hardwire™) intrecciati a formare corde, immerse in una resina epossidica o in una matrice cementizie
  • di sistemi impermeabilizzanti innovativi come ad esempio la polyurea
  • sistemi di monitoraggio (problematiche relative all’installazione ed alla gestione di reti di sensori)

Oltre alla azione diretta sul territorio e sugli operatori edili il centro si propone di promuovere, sostenere e curare la formazione e la ricerca nel campo della riduzione del rischio sismico, attraverso la formazione di operatori aventi capacità scientifiche e professionali nel settore dell’ingegneria sismica. Tale azione avviene sia attraverso la rivitalizzazione delle competenze professionali presenti sul territorio sia attraverso l’azione di formazione delle competenze nelle giovani generazioni.

Visualizza n.
Titolo Autore Visite
Master di II° livello in Ingegneria Antisismica Alfredo Ceci 11036